Riduzione del consumo energetico mediante retrofit

Victoria Seaways e due navi cisterna MR di Hafnia e Maersk Tankers fanno parte del progetto di retrofit di Green Ship of the Future.

Green Ship of the Future ha pubblicato un rapporto per mostrare come il retrofit può comportare una significativa riduzione del consumo di energia, riducendo il consumo di carburante e le emissioni a bordo di tre navi tra cui Victoria Seaways. Secondo i risultati del progetto, ciò può essere ottenuto attraverso la tecnologia disponibile oggi con un ritorno dell'investimento inferiore a tre anni.

La scorsa settimana, Green Ship of the Future ha pubblicato un rapporto che esplora come il retrofit e l'aggiunta di nuove tecnologie ai sistemi più vecchi, possono ridurre significativamente il consumo di energia su Victoria Seaways e due navi di Hafnia e Maersk Tankers.

Il rapporto rileva che Victoria Seaways può potenzialmente ottenere una riduzione fino al 11.1% del consumo di carburante implementando una tecnologia nuova e comprovata che può essere facilmente implementata come nuove eliche e il nuovo rivestimento dello scafo esemplificato da Hempel in questo rapporto. Tutte le soluzioni suggerite sono state calcolate in base a un tempo di rimborso stimato di tre anni per mostrare il potenziale di un investimento ecologico in modo da ridurre al minimo i costi operativi e migliorare il potenziale di redditività.

Vale anche la pena ricordare che il rapporto afferma che è stata una sfida identificare soluzioni per il risparmio di carburante con un ritorno dell'investimento inferiore a tre anni e riconosce il personale dedicato di Victoria, il sovrintendente Sergej Duriagin e l'organizzazione tecnica di DFDS per il loro alto focus sull'ottimizzazione della flotta come molte delle soluzioni suggerite erano già state implementate.

Condividi soluzioni e ispira altre navi
Rune Jørgensen Daae, Soprintendente del Progetto, afferma: “Progetti come questo sono benvenuti occhi aperti per potenziali retrofit che possono ridurre il nostro impatto ambientale e presentare un buon business case.

“È positivo vedere che ci sono ancora grandi risparmi da fare. Dobbiamo continuare a ottimizzare le nostre navi per diventare ancora più sostenibili, ridurre i costi operativi e rimanere competitivi, ma anche per facilitare il passaggio a fonti energetiche alternative. Speriamo che questo progetto porti potenziali concreti di risparmio e ispiri gli altri a ottimizzare le loro navi. "

Per un aspetto più approfondito e dettagliato - vedere il rapporto completo qui.

Maggio 19, 2020