Magazine segue un Kia Ceed su un traghetto DFDS per il Regno Unito via Cuxhaven e Immingham

Un viaggio epico su strada, ferrovia e mare attende la Kia Ceed, che viene prodotta in Slovacchia, prima che le auto vengano consegnate per anticipare i nuovi proprietari e una parte cruciale di quel viaggio sarà a bordo di un traghetto DFDS. Fotografia: Julian Mackie

 

Mike Duff di Autocar ha seguito una nuovissima Kia Ceed della fabbrica Žilina in Slovacchia, attraversando diversi paesi prima di salire a bordo di Finlandia Seaways per l'ultima tappa del viaggio verso una concessionaria del Regno Unito, un viaggio fatto da 45.000 modelli Kia l'anno scorso.

Tutti i modelli destinati al mercato del Regno Unito vengono trasportati a Cuxhaven, in Germania, su strada e su rotaia, dove l'arcipelago artificiale di Cuxport rende il caricamento delle auto un gioco da ragazzi, poiché le acque profonde consentono un facile attracco senza essere influenzato dalla marea. Mike e il Ceed incontrarono un po 'più di una brezza, tuttavia, poiché il maltempo significava un ritardo prima che le auto potessero essere guidate a bordo dei 2.000 metri di Finlandia Seaways e iniziare il viaggio di 22 ore in mare.


Mike Duff ha oscurato questa Kia blu per l'intero viaggio, facendo attenzione a non perdere di vista la macchina

 

Dopo l'arrivo sicuro a Immingham, Mike racconta il viaggio della Kia dalla fabbrica di Žilina alla concessionaria Grimsby Kia. “Ha percorso circa 12 miglia sotto la propria potenza, almeno 600 miglia in camion o treno e 360 miglia via mare prima di raggiungere il suo primo proprietario britannico. Moltiplicalo per i 15 milioni di auto vendute in Europa l'anno scorso e avrai un'idea della portata dello sforzo logistico che mantiene l'industria automobilistica in attività. "


Il solo numero di auto mosse contemporaneamente rende ogni fase del viaggio uno sforzo erculeo

 

Il merito completo della storia va alla rivista Autocar e Mike Duff. Il merito delle foto va a Julian Mackie.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

26 febbraio 2019