Mattoni pallettizzati dalla DK al Regno Unito

Il 16 marzo è stato un giorno speciale per Immingham, in quanto la divisione logistica di spedizione ha noleggiato per la prima volta una nave portarinfuse portuale, caricata con mattoni pallettizzati da Thyboron (Danimarca) a Immingham (Regno Unito). Dopo diverse settimane di trattative con il cliente, UK Brick, e il fornitore, NRSB, è stato gratificante assistere al primo e ultimo pallet scaricato dalla nave, in tempo e per intero.

Mike Hughes, Responsabile commerciale, afferma: “Il successo di questo primo servizio porterà ora a flussi più regolari. Prevediamo di averne uno al mese e circa 20.000 tonnellate di prodotto all'anno. Dal nostro punto di stoccaggio dedicato di mattoni a Immingham, UK Brick distribuisce il prodotto in tutte le aree del Regno Unito. L'impianto di stoccaggio in mattoni ha aggiunto un valore significativo al cliente durante l'improvviso blocco COVID-19, che ha consentito al cliente di richiedere un secondo servizio il 27 aprile, anche se gran parte del mercato delle costruzioni nel Regno Unito non era operativo. “

Il graduale allentamento del blocco ha permesso al mercato delle costruzioni di riavviare le operazioni, che ha già visto consegnare tutte le scorte della prima nave e consegnati livelli significativi di scorte del secondo servizio. Ciò ha assicurato che il terzo servizio, previsto per l'arrivo il 29 giugno, continuerà come previsto.

Mike afferma: "Il cliente è assolutamente soddisfatto del servizio fornito da DFDS e dell'offerta completa di servizi door to door, che include il noleggio delle navi. Questa è una vittoria davvero grande e importante, tanto più in questi strani tempi. Un enorme ringraziamento va a tutti coloro che sono coinvolti nello sviluppo e nella fornitura di questo nuovo servizio e non vediamo l'ora di continuare con questa nuova attività per il resto del 2020 e oltre. "

Un altro giorno al lavoro

Abbiamo ricevuto questo video dal terminale Esbjerg e, sebbene non sia gestito da DFDS, offre una visione molto interessante del lavoro di un autista di rimorchiatori. Guarda il video e guarda l'operazione dal punto di vista del driver.

Un grande ringraziamento allo staff di Esbjerg Terminal per la partecipazione al video e a Michael Stig e Jesper Hartvig Nielsen per aver fornito filmati e informazioni.

Francia: nuovi modi di gestire le dogane ridurranno i costi

Due rotte del Mediterraneo hanno modificato i processi di dichiarazione doganale per le importazioni in Francia e nell'UE. Ciò ha portato a operazioni più efficienti e risparmi sui costi.

Tutte le merci per entrare nei porti dell'UE hanno bisogno di un cosiddetto "nullaosta ENS" (Dichiarazione sommaria di entrata), che è una valutazione di sicurezza. Sulle rotte Yalova-Séte e Tunisi – Marsiglia lavoravano con fornitori esterni per l'amministrazione delle autorizzazioni ENS, poiché ciò richiede conoscenze specialistiche che all'epoca DFDS non disponeva.

Dato che un fornitore ha annunciato che presto avrebbero cessato l'attività, DFDS ha dovuto trovare una soluzione alternativa in breve tempo. Fortunatamente, grazie ai preparativi della Brexit e alla nostra nuova integrazione dell'organizzazione turca, abbiamo acquisito una maggiore conoscenza interna delle operazioni di autorizzazione ENS direttamente. Pertanto, un team di progetto composto da IT, business locale e dogana di gruppo (imposta indiretta) è stato riunito per trovare una soluzione a questo.

La cooperazione è cruciale per una nuova soluzione
Il team ha cercato un'azienda in grado di svolgere le autorizzazioni ENS direttamente e digitalmente sulla base di una connessione diretta dai sistemi DFDS. Alla fine hanno scelto la società MGI a Marsiglia, offrendo servizi di dichiarazione doganale e ICS in tutta Europa attraverso la rete dei loro partner. (ICS - Import Control System - è il sistema elettronico di gestione delle dichiarazioni di sicurezza per le importazioni nell'UE.)

"Abbiamo già avuto esperienze indirette con loro sia a Marsiglia che a Séte e poiché anche la loro offerta era competitiva, erano la scelta più ovvia", afferma Stephanie Thomas, capo di Customs & Excises e membro del gruppo fiscale del gruppo DFDS.

Parallelamente a ciò, il Centro di sviluppo IT turco ha completato i lavori su un modulo ICS in grado di raccogliere e inviare tutte le informazioni relative alle dogane da DFDS a terzi. Il team è inoltre in debito con il ruolo centrale del team Customs & Compliance nel nostro Centro servizi finanziari a Poznan e nel nostro Centro di sviluppo IT turco. La loro reazione rapida è stata cruciale per il progetto. Grazie a tutta questa collaborazione, sono nati il processo finale e il flusso di dati, collegati alle dogane francesi tramite MGI.

Go-live di successo
"Da allora entrambe le rotte sono state messe in pratica con successo con la nuova soluzione e si prevede che i fornitori" intermediari "risparmieranno circa € 100.000 all'anno una volta che le rotte torneranno a piena capacità dopo l'attuale crisi. Inoltre, questa soluzione apre anche la strada al prossimo passo: vendere attività di intermediazione doganale ai nostri clienti in Francia ", afferma Jimmy Marolle, direttore dell'agenzia Francia.

“La dogana spesso non è né eccitante né facile. Tuttavia, in questo caso, è un esempio motivante delle capacità della nostra organizzazione di cooperare e sviluppare flussi e prodotti efficienti e convenienti ", afferma Attila Gulyas, responsabile del progetto, DIO Freight Ferry.

“Il team IT continuerà a studiare i modi per automatizzare e migliorare ulteriormente il processo e il flusso di dati. Inoltre, esploreremo ciò che può essere riutilizzato da questa soluzione nei nostri preparativi sulla Brexit ", aggiunge.

 

Termini doganali importanti
Il mondo delle dogane è pieno di acronimi e con la presente - siamo felici di insegnarvi due di loro per dare un senso a questo articolo:

ENS è l'acronimo di Dichiarazione sommaria di entrata. La dogana dell'UE è tenuta a fare una valutazione di sicurezza di tutte le merci che entrano nei porti dell'UE.
ICS (Import Control System) è il sistema elettronico di gestione delle dichiarazioni di sicurezza per l'importazione di merci nel territorio doganale dell'Unione Europea.

Situazione difficile nel terminal di Göteborg

Il terminal Ro-Ro di Göteborg sarà colpito dalla perdita di attività durante la crisi di Covid-19. Poiché il sindacato, a differenza di altri impiegati in Svezia, rifiuta di andare in congedo sulla base dell'indennità di lavoro a breve termine svedese, la direzione non ha alternativa all'avvio di negoziati sulla riduzione del personale per portare il terminal attraverso la crisi di Covid-19.

Anche il terminal Ro-Ro di Göteborg in Svezia sarà colpito da una riduzione dei volumi di Covid-19. Tuttavia, il team di gestione del terminal si trova ad affrontare una situazione difficile poiché i negoziati sull'indennità di lavoro a orario ridotto sono falliti.

“Sia la Svezia, il terminal e i nostri numerosi clienti si trovano in una situazione estremamente difficile. Per mitigare le conseguenze per noi e i nostri clienti e portare il terminal in sicurezza attraverso la crisi, abbiamo avuto un dialogo con il nostro sindacato Transportarbetarförbundet al fine di adattare temporaneamente il personale del terminal al carico di lavoro inferiore e allo stesso tempo mantenere il la flessibilità del personale è necessaria per servire le navi che dipendono dal tempo e dal vento ", afferma Björn Wånge, amministratore delegato di Göteborg Ro-Ro.

Il congedo di breve durata retribuito in conformità con l'indennità di lavoro a breve termine svedese è stato accolto positivamente da dipendenti di molte società svedesi ed è visto come un'opportunità per aiutare congiuntamente le aziende e i luoghi di lavoro durante la crisi, senza danneggiare permanentemente l'azienda e l'occupazione. I dipendenti ottengono più di 90% del loro stipendio durante le ferie.

“Tuttavia, nonostante le lunghe trattative, non siamo riusciti a raggiungere un accordo sul congedo temporaneo per i nostri lavoratori. Pertanto, non vediamo altra opzione che iniziare i negoziati per la risoluzione a causa della carenza di lavoro. È una situazione molto triste, di cui mi pento moltissimo, ma siamo semplicemente rimasti senza alternative ", afferma Björn.

Ark Dania in contatto con la banchina

Condizioni di vento estreme hanno causato contatto e danni al di sopra della linea di galleggiamento quando Ark Dania è arrivata a Esbjerg. Foto di Peter Therkildsen.

 

Nonostante il supporto del rimorchiatore, Ark Dania purtroppo si è avvicinata un po 'troppo alla banchina all'arrivo a Esbjerg oggi in condizioni di vento estremo. Come mostra l'immagine, il contatto ha causato alcuni danni allo scafo sopra la linea di galleggiamento.

Il danno è stato ora valutato dal cantiere e dalla società di classificazione e il piano è di riparare la nave mentre è in porto.

“Prevediamo che sarà in grado di partire venerdì 14 febbraio. Fortunatamente, la gestione della flotta è stata in grado di noleggiare il traghetto merci Misida per sostituire Ark Dania fino a venerdì. Misida lascerà Vlaardingen oggi e domani sarà a Immingham per la partenza prevista per Ark Dania. Ciò significa che oggi perderemo solo la navigazione da Esbjerg a Immingham ”, afferma Kell Robdrup, SVP, BU North Sea South, che ha già informato i clienti sul ritardo che ciò causerà oggi i clienti che lasceranno Esbjerg.


L'arca Dania si è danneggiata sopra la linea di galleggiamento quando ha colpito la banchina di Esbjerg.

I colleghi festeggiano il traguardo con DSV Estonia

Nella foto da sinistra: Jaan Lepp, CEO, DSV Estonia; Peeter Ojasaar, RD DFDS; Jaak Roosa, capo delle operazioni scandinave, DSV; Liivo Blei, Operations Manager, DSV; Tarmo Bachmann, GM Freight Sales, DFDS.

Anche se Natale e Capodanno si stavano avvicinando, i nostri colleghi che lavoravano sulla rotta Paldiski - Kapellskär avevano anche altre cose da festeggiare.

Il più grande cliente sulla rotta, DSV Estonia, aveva raggiunto un impressionante traguardo di 100.000 miglia sulla rotta per il 2019 e ciò ha richiesto una celebrazione.

Peeter Ojasaar, direttore del percorso, afferma: "Per celebrare questa pietra miliare fantastica, abbiamo deciso di ordinare una torta fatta su misura e portarla nella sede dei nostri clienti a Tallinn per dimostrare la nostra gratitudine e apprezzamento per la cooperazione proficua e fruttuosa".

Jaan Lepp, CEO di DSV Estonia, che si ritira da questa posizione dopo 30 anni di attività, ha ringraziato per l'eccellente collaborazione reciproca e positiva negli anni e ha espresso la speranza che ciò continuerà per molti anni a venire.

Regalo di Natale per i conducenti di merci

I conducenti di merci per le rotte del Canale hanno goduto dei pasti di Natale gratuiti a bordo

 

Mentre molti di noi si stavano preparando e godendo la vigilia di Natale con le nostre famiglie, i conducenti di merci erano ancora sulle strade e sulle navi, per assicurarsi che arrivassero merci e flussi commerciali.

Come piccola sorpresa per i conducenti che attraversano la Manica sulle nostre rotte da Dover a Calais e Dunkerque, sono stati in grado di gustare un pasto di Natale gratuito a bordo durante le navigazioni dal 21 al 24 dicembre.

Sono stati serviti il tradizionale tacchino di Natale, servito con maiali in coperte, pastinache arrosto nel miele, bastoncini di carote, cavoletti di Bruxelles e patate arrosto croccanti in un gustoso jus.

Seguì una selezione di prelibatezze festive, tra cui torte tritate e dessert classici fatti in casa, tutti serviti nell'esclusiva area di guida a bordo, Road Kings.

Dave Lewis, responsabile Food & Beverage, afferma: “I camionisti affrontano orari di lavoro lunghi e variabili, lunghe distanze e orari ristretti. Riconosciamo tutto l'anno quanto sia importante il buon cibo e il riposo ed è particolarmente bello poter offrire a tutti i nostri clienti del trasporto merci una cena di Natale gratuita per loro di godersi lo spirito festivo a bordo delle nostre navi ".

 

Fonte: The Chartered Institute of Logistics and Transport

DFDS e Port of Karlshamn si impegnano per il futuro

Per-Henrik Persson, direttore di rotta per Klaipėda - Karlshamn: "Il contratto firmato tra DFDS e il porto di Karlshamn formalizza la partnership per i prossimi 10 anni".

 

A dicembre è stato firmato un importante accordo tra DFDS e il porto di Karlshamn per lo sviluppo delle nostre attività future insieme.

Le firme formalizzano una partnership per i prossimi 10 anni a Karlshamn che include un impegno reciproco per consentire un continuo sviluppo e crescita dei servizi di traghetto DFDS nel porto. Il porto di Karlshamn lancerà ora investimenti per accogliere navi più grandi e crescita del volume.

“Siamo ovviamente molto lieti di avere questo contratto. Lo vediamo come una conferma di una buona collaborazione e che Port of Karlshamn è visto come un nodo logistico strategico per DFDS A / S e lo sviluppo della sua rete nel Baltico ", afferma Mats Olsson, CEO di Port of Karlshamn.

“Ora lanceremo investimenti per un totale di 150 milioni di corone svedesi - circa 14 milioni di euro - che è il più grande in molti anni. Il programma di espansione include, ad esempio, un terzo posto barca, l'ampliamento di un altro, il dragaggio, l'espansione delle aree di parcheggio e delle aree di accodamento per i veicoli accompagnati e non accompagnati. Avremo alcuni cofinanziamenti dall'UE, il che segnala che il porto di Karlshamn e la rotta DFDS Karlshamn - Klaipėda sono considerati un collegamento importante per gli scambi commerciali tra la Svezia e i paesi limitrofi sul Baltico orientale. "

Per-Henrik Persson, direttore di rotta per Klaipėda - Karlshamn, afferma: “L'ampio programma di nuova costruzione della DFDS comprende due navi ro-pax destinate alle rotte del Mar Baltico, un investimento complessivo di circa 1,75 miliardi di DKK. Con una lunghezza di 230 metri, una capacità di carico di 4.500 metri di corsia e una capacità di trasportare 600 passeggeri, queste navi saranno un'aggiunta molto gradita nel Mar Baltico.

“Lo sforzo e gli investimenti del porto di Karlshamn sono molto positivi. Garantirà la nostra possibilità per lo sviluppo continuo di una rotta di importanza strategica per il commercio e DFDS. Abbiamo un'ottima collaborazione con il porto e non vediamo l'ora di sviluppare la nostra attività comune per molto tempo a venire. ”

 

Fonte: Shippax.com

Immingham dà il benvenuto a Tableau

Addestramento del tableau a Immingham
Avere informazioni aggiornate e di facile lettura è un must nel frenetico mondo delle spedizioni in cui lavoriamo tutti, quindi il team di Immingham ha deciso che era tempo di saltare a bordo con le ultime tecnologie e approfondire il meraviglioso mondo di Tableau (i dati di DFDS strumento di visualizzazione).

Claire Grange, Business Partner finanziario, afferma: “DFDS Seaways PLC ha recentemente dato il benvenuto a Marta Grytka e Iga Kotra del team di Business Intelligence per presentare il sistema Tableau e mostrare quanto sia facile integrare le sue caratteristiche nella nostra vita lavorativa quotidiana. In due giorni Marta e Iga hanno presentato il sistema Tableau ai team commerciali e hanno offerto formazione su come creare i nostri dashboard, che possono essere utilizzati per condividere informazioni con tutti i nostri clienti interni ed esterni, permettendoci di fornire i dati in modo rapido, semplice e formato presentabile. "

L'amministratore delegato Andrew Byrne afferma: “Gestiamo un business molto complesso con molte priorità contrastanti, quindi avere informazioni accurate, affidabili e di facile lettura è fondamentale per il nostro successo. Tableau ci aiuterà a trasferire grandi quantità di dati che abbiamo in informazioni che possiamo usare internamente ed esternamente per prendere migliori decisioni aziendali che ci aiuteranno a raggiungere i nostri obiettivi WIN23. Un grande ringraziamento a Marta e Iga per averci aiutato a iniziare con Tableau ”.

Una nave può davvero ingoiarlo?

Le persone che non lavorano in DFDS, probabilmente non credono che questa enorme parte del ponte possa effettivamente essere caricata su una nave e navigata sull'acqua da Vlaardingen a Immingham.

Lunghe 44 metri, larghe 2,9 metri e pesando 68 tonnellate lorde (compresi i camion che trasportano il carico), queste parti erano in una classe di peso in una divisione completamente diversa rispetto al solito carico.

Tuttavia, i nostri colleghi lo sanno e hanno accettato con entusiasmo la sfida. Dopo diverse settimane di preparazione, Gardenia Seaways ha spedito sei carichi speciali di trasporto sulla rotta Rotterdam-Immingham in un unico lotto. Le parti del ponte vengono utilizzate per la costruzione di un ponte per lo svincolo 7 sulla M4 di Huntercombe.

A causa di dimensioni fuori misura, i camion potevano solo guidare ed entrare nel nostro terminal di Vlaardingen la sera sotto scorta.

“Con carichi di grandi dimensioni come questo, le manovre durante il giorno causano molte sfide pratiche nel traffico. Farlo la sera significa che meno macchine sulla strada sono interessate dal trasporto garantendo una scorta più sicura e più facile da guidare. C'è anche meno traffico sul nostro terminal in quel momento. ”Afferma Ger van der Vliet, Responsabile della logistica di spedizione.

“Grazie a tutto lo staff dei terminal di Rotterdam e Immingham, delle agenzie e dell'equipaggio a bordo di Gardenia Seaways per il supporto e la collaborazione del team di professionisti. Lavoro ben fatto".

Conferenza commerciale di Ferry: collaborazione, collaborazione, collaborazione

La strategia DFDS Win23 stabilisce obiettivi ambiziosi di un profitto operativo annuo di almeno 5,5 miliardi nel 2023. Questa ambizione poggia molto sulle spalle della nostra forza vendita e, tenuto conto di ciò, Peder Gellert aveva invitato 70 colleghi di vendita da 13 sedi a la Ferry Sales Conference 2019, che si è tenuta per due giorni a Gand alla fine di ottobre.

Come le vendite devono fare la loro parte del lavoro è stata la domanda chiave alla conferenza, e dopo due intensi giorni di networking, apprendimento e discussione, la semplice risposta è stata: "collaborazione". O più elaboratamente, lasciati ispirare dalle migliori pratiche e dai colleghi, migliora le vendite attraverso la collaborazione - come affermano Kasper Damgaard, vicepresidente di BU Metal & Forest e Client Engagement.

L'enfasi sulla collaborazione ha plasmato tutte le attività della conferenza, incluso un seminario sul "Future of Selling" che & #8211; con assistenza esterna e #8211; affrontato i cambiamenti nel comportamento e nelle industrie dei clienti.

Anche l'intrattenimento è servito come accensione per una migliore collaborazione. La star televisiva danese Jan Hellesøe sfida i partecipanti con una lezione su quanto dobbiamo essere consapevoli quando comunichiamo con i nostri clienti e gli altri.

La collaborazione è stata anche la vera ragione per invitare i nostri clienti Outokumpu alla conferenza. Outokumpu è un produttore globale di acciaio inossidabile il cui Senior Manager per i trasporti europei ha parlato di sostenibilità e digitalizzazione e dei paradigmi che modellano il futuro del settore a tutti i livelli - una presentazione che ha ottenuto il punteggio più alto tra i partecipanti. Outokumpu ha anche sottolineato l'importanza della sicurezza generale dei trasporti e - fortunatamente - ha concluso che DFDS è considerato un partner affidabile in grado di adattarsi a indicatori economici che oscillano continuamente.

"Collaborazioni più strette con i clienti saranno un obiettivo per la forza vendita in futuro nel nostro obiettivo di essere ancora più proattivi e innovativi nella cooperazione con i clienti."

“È stata una conferenza fruttuosa che ci ha dato un'idea chiara del lavoro che abbiamo davanti a noi al fine di raggiungere i nostri obiettivi Win23 e come possiamo farlo. Sono stato impressionato dalla dedizione che ho provato tra tutti e ringrazio gli organizzatori della sede centrale e il team locale di Sam de Wilde per una conferenza molto ben organizzata ", afferma Peder Gellert.


Alla Ferry Sales Sales 2019 di Gand, Jelle Van Koevorden ha presentato lo Smart Gate Terminal di Gand.

Jelle van Koevorden sarà MD di Ferry in Belgio

Jelle van Koevorden sarà il nuovo amministratore delegato della divisione traghetti per il Belgio dal 1 ° gennaio.

Come MD, sarà responsabile dell'agenzia che serve le rotte merci Gand - Göteborg, Zeebrugge - Göteborg e Zeebrugge - Immingham - Norvegia, nonché il terminal di Gand. La sua responsabilità includerà anche le nostre attività multimodali in Belgio con collegamenti ferroviari per Trieste, Barcellona, Lione e Le Boulou, nonché il servizio di chiatta container a Gand - Anversa e Gand – Rotterdam.

Il Terminal di Gand continuerà ad essere gestito da Raf de Wit, Terminal Director, che riferirà a Jelle.

Jelle riferirà a Morgan Olausson, vicepresidente e capo della BU North Sea North.

“Sono molto contento che Jelle abbia accettato questa sfida. È estremamente ben preparato per il lavoro in quanto è stato Business Development Manager dal 2016 e, successivamente, General Manager Commercial a Gand. Questi lavori gli hanno dato una preziosa esperienza con i nostri clienti e mercati. Penso che siamo estremamente fortunati di essere stati in grado di riempire una posizione chiave con un preavviso così breve con un candidato interno che partecipa anche al nostro programma di sviluppo dei talenti, Horizon,

Jelle van Koevorden (31) è nata a Tiel, nei Paesi Bassi, e ha studiato ad Anversa e Besançon. Si è laureato in Gestione della logistica e ha completato corsi a livello di Master in Logistica e trasporti (Diritto marittimo e gestione della catena di approvvigionamento). Dopo tirocini nel settore dei trasporti marittimi e società di logistica internazionali, è entrato in DFDS come Business Development Manager nel 2016. Vive con la moglie e il figlio a Bazel, Belgio

Morgan Olausson afferma: “Per favore, unisciti a me congratulandomi con Jelle per il suo nuovo ruolo e le sue responsabilità. Jelle e Raf saranno una squadra forte in grado di garantire la continua crescita della nostra attività in Belgio. Sono fiducioso che vi unirete a me nell'accogliere Jelle nel team di gestione e che lo sosterrete tutti nel suo nuovo ruolo. "

Jelle sostituirà Sam de Wilde, che lascerà DFDS alla fine dell'anno per un nuovo lavoro di gestione ad Anversa, dove vive.

Video che mostra il processo di esportazione RDF

Andusia Recovered Fuels ha prodotto un video che spiega il processo di esportazione del combustibile derivato dai rifiuti (RDF).

Ogni settimana, per un periodo di 36 settimane da metà fine settembre a maggio dell'anno successivo, DFDS Immingham gestisce circa 1000 tonnellate di combustibile derivato dai rifiuti in colli (RDF) per il cliente, Andusia. Le balle sono costituite da rifiuti domestici trasformati che vengono inceneriti in un impianto EfW (energia dai rifiuti). Il calore in eccesso viene utilizzato per generare elettricità e teleriscaldamento per Oslo, in Norvegia.

“A giugno, Andusia ha visitato Immingham filmando i nostri traghetti per un video che mostra l'intera catena di approvvigionamento dalla raccolta dei rifiuti a Leeds nel Regno Unito alla consegna presso lo stabilimento EfW in Norvegia. Il video offre un'ottima introduzione al processo di esportazione ”afferma Mike Hughes, Business Development Manager.

Nuova connessione intermodale da Istanbul a Colonia

Il nostro terminal di Trieste assicurerà che le merci dei nostri clienti abbiano una transizione graduale tra treno e traghetto

La nostra collaborazione con la compagnia di trasporti Ekol si sta rivelando molto valida per il nostro servizio clienti. A seguito del nostro accordo con Ekol sul trasporto di rimorchi nel Mediterraneo, DFDS può ora fornire un collegamento diretto tra la regione di Istanbul in Turchia e Colonia in Germania. Ekol continuerà a utilizzare questa connessione, fornendo così i volumi per rendere più agevole la fase di avvio.

Giancarlo De Marco Telese, responsabile delle operazioni intermodali, afferma: "Ciò è diventato possibile quando il collegamento tra Trieste e Colonia è passato da" Solo Ekol "a" aperto "per tutti i clienti di DFDS e Kombiverkehr (il partner ferroviario del progetto). Con questo, i clienti possono raggiungere rapidamente la Germania settentrionale. È più facile per i nostri clienti pianificare il trasporto poiché comunicano solo con DFDS e riduce i tempi di consegna rispetto a soluzioni alternative. Il treno effettua otto viaggi andata e ritorno alla settimana con una capacità settimanale di 512 unità e sono necessarie solo 20 ore per spostarsi tra Colonia e il terminal DFDS Trieste in Italia. ”

Insieme a Monaco e Ludwigshafen, Colonia è il terzo collegamento diretto con la Germania, a dimostrazione del fatto che il trasporto intermodale è un mercato vivace poiché sempre più clienti realizzano il valore aggiunto dello spostamento di unità non accompagnate su ferrovia.

DFDS testa il trasporto di balle RDF su rotaia

DFDS è sempre alla ricerca di modi innovativi per spostare le merci, ma se potessimo ridurre la nostra impronta di carbonio allo stesso tempo?

“Questo è ciò che stiamo cercando di ottenere con balle RDF che si trovano in siti normalmente troppo distanti nel Regno Unito e troppo costosi per il trasporto da portare a Immingham. Tuttavia, al momento stiamo testando le opzioni per utilizzare le testine ferroviarie collegate al terminal di Immingham per questo ”, afferma Mike Hughes, Business Development Manager.

"Se siamo in grado di attingere a questi volumi, aumenterà sia il tonnellaggio spostato per il cliente sia il tonnellaggio di esportazione per DFDS poiché le balle RDF usciranno attualmente dalle porte non DFDS situate vicino ai siti di elaborazione RDF."

GB Railfreight ha fornito la sua locomotiva "orgoglio" appena verniciata e due vagoni ferroviari, mentre i servizi di impianto e gestione di Westfields (situati sul molo di Immingham) si sono radunati attorno per prendere una gru e una macchina per provare il carico / scarico delle balle RDF. Questo test potrebbe non sembrare così spettacolare. Tuttavia, ciò non sta accadendo in nessuna parte del Regno Unito, quindi DFDS potrebbe essere in prima linea nell'offrire questa soluzione specifica, creando una grande vittoria per le tre parti coinvolte (DFDS, Geminor e GB Railfreight).

“Anche se questo è stato solo un test, ora possiamo capire come andare avanti. Sono appena stati fatti molti sforzi e sforzi per arrivare a questa fase, e ci sarà ancora molto duro lavoro per trovare il vagone ferroviario ideale in grado di trasportare il numero massimo di balle in modo sicuro, pur essendo efficiente con il carico e lo scarico, "Dice Mike.

“Al fine di ottenere una soluzione economica, cercheremmo di spostare circa 1500 tonnellate per viaggio, il che equivale a circa 55 camion di RDF. Questo è un momento davvero entusiasmante per il mercato dei CDR in cui il tonnellaggio delle esportazioni è stato piuttosto statico negli ultimi 12 mesi e siamo in concorrenza con altri porti per garantire i volumi. Essere in grado di offrire una nuova soluzione come questa potrebbe essere solo la risposta per aumentare il throughput per il porto / terminal e le rotte. Sono molto fiducioso con i team coinvolti e tutti abbiamo grandi ambizioni per farlo funzionare. "


L'operazione di caricamento è stata effettuata da Westfields Plant & Management Services

Grande generatore e trasformatore via Kiel a Klaipėda

Ricarica del generatore più piccolo da 133 tonnellate con l'aiuto di due gru, dalla chiatta al treno stradale. Questo treno stradale aveva una lunghezza di 34,7 m, una larghezza di 3,95 me un peso totale di 206 tonnellate

La scorsa settimana, i nostri colleghi sulla rotta Kiel - Klaipėda hanno dovuto fare un duro lavoro di sollevamento. Martedì hanno organizzato il trasporto di un generatore da 133 tonnellate da Kiel a Klaipeda a bordo della Regina Seaways e il giorno dopo un trasformatore da 206 tonnellate su Victoria Seaways.

Il generatore è stato consegnato da Heldesleben in Germania e il trasformatore dalla Turchia, entrambi da utilizzare per un ampliamento della rete elettrica in Lituania. Furono trasportati a Kiel da una chiatta e ricaricati su treni stradali che guidavano le unità a bordo dei traghetti.

A causa del peso massiccio di entrambe le unità, il porto di Kiel doveva ordinare una gru esterna per supportare la propria gru con il sollevamento delle unità dalla chiatta al treno stradale, come mostrato nella figura.

"È stata una straordinaria dimostrazione della nostra capacità di spedire unità di dimensioni e pesi anomali", afferma Ramona Boradshiew, Supervisor, Cargo Sales.

“Un grande ringraziamento ai capitani di Regina Seaways e Victoria Seaways, Alvydas Macius e Kristijanas Kiseliovas, nonché a tutte le altre parti coinvolte - uffici portuali, stevedores e navi - che hanno contribuito a completare il trasporto speciale con grande cooperazione e impegno “.


Scarico del trasformatore da 206 tonnellate con il treno stradale da 334 tonnellate e lungo 59 metri a Klaipėda. Questo treno stradale è impressionante per le sue dimensioni, compresa la larghezza di 4,55 metri

Traghetto di Göteborg in direzione nord - Zeebrugge utilizza unità di carico vuote Stora Enso

Un problema si è trasformato in una vittoria in quanto le unità container Stora Enso sono utilizzate in entrambi i modi, aprendo il nuovo volume verso nord.

 

È sempre bello vedere sfide e problemi trasformarsi in opportunità e vincere a DFDS. In tal modo, un problema di sorta è sorto con il viaggio di ritorno per le unità di container Stora Enso vuote (SECU), che sono personalizzate per il trasporto di bobine di carta da Gothenburg a Zeebrugge, e in precedenza erano state restituite vuote a Gothenburg.

Ma le menti e le mani non erano inoperose. La nuova rotta tra Zeebrugge e Gothenburg offre a DFDS e ai suoi clienti una soluzione unica per caricare i SECU Northbound vuoti con tutti i tipi di carichi pallettizzati, carta, acciaio e altri carichi industriali, da due a tre rimorchi completi e fino a 80 tonnellate.

"Ora stiamo adattando il magazzino a Gothenburg non solo per le bobine di acciaio, i carichi speciali e la movimentazione RDF, ma anche per il cross-docking cargo dalla SECU ai rimorchi e ai treni stradali", afferma David Wallgren, Operations Manager di Shipping Logistics & Special Cargo nel Traghetto.


"Speriamo che questa configurazione attiri un nuovo volume sulla rotta. Sappiamo che la soluzione è molto efficiente e aiuta gli spedizionieri e i clienti industriali a ridurre lo squilibrio nel corridoio, evitando di spedire unità vuote ".

Logistica e Ferry si uniscono a Tata Steel a Ijmuiden per condividere e imparare

All'interno del magazzino di acciaio autonomo di Tata

L'anno scorso, alcuni dei nostri team di DFDS Metal colleghi hanno visitato Volvo Cars a Göteborg.

Quest'anno, i membri del team DFDS Metal di entrambi i settori Logistica e Traghetto si sono incontrati con Tata Steel nel porto olandese di Ijmuiden.

Tata Steel è il secondo produttore di acciaio in Europa. Producono acciaio nel Regno Unito e nei Paesi Bassi e hanno stabilimenti di produzione in tutta Europa.

Niclas Bohlin, Industry Sales Expert per l'Europa, afferma: "Durante la nostra sessione di un giorno abbiamo approfondito le sfide che ci attendono nelle nostre rispettive aziende e abbiamo discusso di questioni come sicurezza e innovazione per assicurarci di continuare a offrire soluzioni logistiche che i nostri clienti hanno bisogno ora e domani. "

Il magazzino di acciaio autonomo ottimizza lo stoccaggio e riduce i danni alle merci
Il meet-up comprendeva anche una visita al nuovo magazzino di acciaio autonomo di Tata.
"È un posto davvero sicuro, poiché gli operatori non sono ammessi nell'area delle operazioni. Tata ottimizza lo stoccaggio tramite la pianificazione del computer e prepara il carico in uscita durante la notte per gestire al meglio il carico in entrata durante il giorno. Il magazzino è collegato alla fabbrica tramite un collegamento ferroviario autonomo, e tutti questi processi portano a un minor carico danneggiato e a un funzionamento più fluido ", afferma Niclas.

L'importanza di lavorare con diversi livelli dell'organizzazione del cliente
"Conoscere i clienti su più livelli rispetto alla semplice logistica significa avere una migliore comprensione delle loro sfide e una posizione migliore per lavorare in modo più efficiente e sicuro. Quando condividiamo anche le conoscenze con i colleghi dei nostri clienti nelle operazioni, nelle vendite e nell'IT, creiamo fiducia in entrambi i modi, il che a sua volta ci consente di ampliare le nostre attività insieme ", afferma Niclas.

Prima vela sulla nuova rotta Sète - Pendik completata

A giugno abbiamo annunciato l'aggiunta della rotta Sète-Pendik alla nostra rete di collegamenti Francia-Turchia. Ieri il nostro traghetto merci, UND Ege, ha completato la prima navigazione sulla rotta ed è arrivato a Sète con 170 unità a bordo. Come potete vedere qui sotto, è stata felicemente accolta da Peder Gellert Pedersen, EVP e responsabile della divisione Ferry, da sua moglie Carina Pedersen, Kemal Bozkurt, vicepresidente operativo della BU Med e da Jimmy Marolle, direttore dell'itinerario.

Kemal afferma: "Avremo due partenze settimanali tra Sète e Pendik, con i traghetti UND Ege e UN Karadeniz che operano sulla rotta. In totale abbiamo quattro partenze settimanali tra Turchia e Francia "

"Questo percorso offre molte possibilità e potenzialità di crescita grazie alle sue strutture intermodali esistenti. Consentirà ai nostri clienti di utilizzare i treni per l'Europa centrale e di connettersi alla nostra rete DFDS nel nord Europa, formando una soluzione di trasporto più unificata in tutta Europa.

"Il piccolo team di Sète è stato assistito da tre colleghi dell'ufficio di Pendik. Hanno fatto un ottimo lavoro lavorando a un lavoro duro in una giornata impegnativa ", afferma Kemal.

 


Tempo per una rapida foto di gruppo con UND Ege in background che completa la sua prima navigazione sulla rotta. Da sinistra: Carina Pedersen, Kemal Bozkurt, Peder Gellert Pedersen e Jimmy Marolle


UND Ege ha scaricato 170 unità e caricato 110 a Sète

 


Kemal Bozkurt, il capitano Ismail Besikci e Peder Gellert Pedersen

Intermediazione doganale in Belgio: ora anche certificato AEO

"In quanto azienda completamente certificata AEO, DFDS è considerata un partner affidabile dalle autorità doganali", afferma Sam De Wilde, amministratore delegato di DFDS Seaways NV. Foto del canale Gand-Terneuzen di Tom D & #8217; haenens.

 

Come abbiamo scritto in precedenza, DFDS ha lanciato servizi di sdoganamento in Belgio. Dopo diversi intensi mesi di duro lavoro, sono state ottenute tutte le autorizzazioni necessarie. Nel frattempo, DFDS Belgio è stato anche accreditato come AEO (operatore economico autorizzato). In quanto azienda completamente certificata AEO, DFDS è considerata un partner affidabile dalle autorità doganali. Nell'ottenere questa certificazione, DFDS ha dimostrato l'eccellenza operativa e la conformità alle normative.

Sam De Wilde, amministratore delegato di DFDS Seaways NV, afferma: "Un ringraziamento speciale va alla sig.ra Gislene Alves, che ha lavorato duramente per rendere tutto questo a un livello molto elevato".

L'aggiunta dell'intermediazione doganale alla gamma di servizi offerti significa che DFDS sarà in grado di offrire un servizio completo e più integrato ai propri clienti. Inoltre, questa espansione dei servizi garantisce che DFDS sarà completamente a prova di Brexit. Diventando un punto di riferimento unico per il trasporto marittimo, stradale, ferroviario e delle chiatte, combinato con i servizi di intermediazione doganale, DFDS è in grado di ridurre i tempi di consegna e i costi logistici complessivi.

DFDS per cambiare la gestione delle navi Lys-Line

La Lys-Line è diventata troppo piccola per una gestione separata della nave e DFDS ha stipulato un accordo con la gestione della nave OSM Maritime Group per l'equipaggio e la gestione tecnica delle due navi.

 

DFDS possiede e gestisce le due navi Lys-Line di container e sideport come parte della nostra rete logistica che collega la Norvegia con il Regno Unito e il continente e, tra le altre cose, il trasporto di container, prodotti cartacei e carburante derivato da rifiuti.

Le navi sono gestite tecnicamente dal nostro ufficio logistico di Oslo con il supporto di DFDS House.

"Tuttavia, con solo due navi nella flotta rimaste, è molto piccola per una gestione separata della nave, e poiché sono molto diverse dai traghetti merci e passeggeri sotto la gestione tecnica di DFDS A / S, abbiamo deciso di entrare in un accordo con la gestione della nave OSM Maritime Group per l'equipaggio e la gestione tecnica delle due navi. Ciò sfortunatamente riguarderà il sovrintendente Are Eliassen in Norvegia che lascerà il DFDS ", afferma Thomas Mørk, VP Technical organization.

"Ringraziamo Sono per un lavoro molto ben fatto, ma con una grande flotta sotto la gestione OSM e il nostro lungo rapporto con loro come agenti di equipaggio, ci saranno più sinergie da trarre beneficio e buone pratiche da condividere. Speriamo anche di imparare dal lavorare con un fornitore globale di servizi navali come OSM ", afferma Thomas Mørk, aggiungendo che gli equipaggi delle navi continueranno senza modifiche ai loro termini e condizioni.

Una cooperazione di vendita per il corridoio Belgio - Svezia

I team di traghetti e logistica belga-svedese si sono incontrati a Göteborg per presentare le iniziative One Sales per il corridoio di trasporto Belgio-Svezia

DFDS mira a migliorare le vendite attraverso il cosiddetto concetto One Sales, in cui i colleghi della divisione Ferry e della divisione logistica si uniscono per migliorare e acquisire nuove attività commerciali attraverso un approccio comune. "Facendolo insieme e visitando i clienti in cui questo approccio è rilevante insieme, ci sarà un solo punto di contatto con un cliente e possiamo trarre vantaggio dalle nostre esperienze, capacità e conoscenze combinate su settori e mercati. Possiamo anche suggerire soluzioni che si coordinano automaticamente in quanto includono sia i servizi di traghetto che quelli logistici ", afferma David Forsberg, direttore delle vendite della divisione traghetti di Göteborg.

Geert Liefhooghe, amministratore delegato della divisione logistica in Belgio, afferma: “Abbiamo già avuto degli incontri One Sales tra le divisioni in Belgio per unire le nostre forze, definire il nostro approccio a One Sales e impostare un modello e una presentazione One Sales che noi potrebbe utilizzare per visite congiunte dei clienti.

“A marzo, durante una visita all'ufficio logistico di Göteborg, insieme a Lars Eriksson e #8211; Responsabile delle vendite della divisione logistica in Svezia e #8211; abbiamo concluso che varrebbe la pena unirsi alle organizzazioni svedesi e belghe di traghetti e logistica. L'organizzazione svedese è stata la prima a implementare il concetto One Sales - per vedere come possiamo aiutarci a vicenda per avere più successo nel corridoio di trasporto Belgio - Svezia ed estendere la cooperazione One Sales oltre i confini. Abbiamo deciso di creare un SOP con un team di account chiaro in base alle aspettative dei clienti e alle condizioni per la selezione dei clienti ", afferma.

Primo workshop intermodale a Istanbul

Il primo seminario intermodale DFDS, tenutosi il 25 febbraio a Istanbul, ha fornito una panoramica e ha dimostrato le opportunità di trasporto ferroviario di merci all'interno della rete DFDS. I partecipanti erano responsabili delle vendite e dei terminali di DFDS.

Giancarlo De Marco Telese, direttore delle operazioni intermodali di DFDS, ha aperto il seminario con una presentazione sulla situazione attuale della rete ferroviaria europea, sottolineando opportunità e limitazioni all'interno del settore e come operare in questo settore in espansione.

"L'internalizzazione delle attività ferroviarie nelle soluzioni di trasporto di DFDS offrirà a DFDS l'opportunità di offrire un servizio ancora più efficiente e affidabile ai nostri clienti, con un maggiore controllo del prodotto e minori spese", afferma Giancarlo.

Angelo Aulicino, direttore delle operazioni e dello sviluppo aziendale di Alpe Adria, ha spiegato il ruolo dell'operatore di trasporto multimodale nel settore e come il Porto di Trieste è disposto a espandere la già eccellente collaborazione con DFDS.

"Alpe Adria ha collaborato con DFDS per espandere la rete intermodale dal porto di Trieste e continueremo questa proficua collaborazione durante i nuovi sviluppi portuali, concentrandoci sull'infrastruttura ferroviaria di Trieste e sul sistema logistico portuale (che coinvolge l'entroterra portuale)", afferma Angelo Aulicino.

La giornata si è conclusa con una visita a bordo di Ephesus Seaways, dove il gruppo ha visto per sé l'elevata capacità del traghetto che senza dubbio sarà parte integrante di una soluzione intermodale per i clienti che utilizzano la rotta Pendik - Trieste.

Il seminario è stato anche un'ottima occasione per salutare Nicola Lelli che, in qualità di capo di Intermodal presso DFDS, ha sostenuto con forza questo evento. Durante il suo lavoro in DFDS, Nicola ha ottenuto una crescita enorme nel traffico intermodale e ora sta "prendendo il treno" per una nuova sfida professionale. Tutti gli auguriamo buona fortuna.


Il seminario ha avuto rappresentanti da tutta la rete DFDS. Da sinistra a destra: Yavuz Kuşçu, Manager intermodale austriaco; Reşit Alpan, specialista delle vendite intermodali; Cenk Altun, VP Finance; Marcus Braue, direttore di filiale del Mare del Nord meridionale; Kemal Bozkurt, VP Operations; Jimmy Marole, direttore di rotta; Juel Jens, responsabile vendite strategiche; Selçuk Boztepe, SVP; Fuat Pamukçu, Vicepresidente Vendite e marketing; Angelo Aulicino, Direttore commerciale di Alpe Adria; Ralph Bosvelt, direttore delle operazioni; Dursun Arslan, Account Manager; Ayberk Eskin, direttore delle vendite; Nicola Lelli, ex capo di Intermodal; Giovanni Battista Nelli, specialista dei progetti speciali intermodali e Giancarlo De Marco Telese, direttore delle operazioni intermodali.

Magazine segue un Kia Ceed su un traghetto DFDS per il Regno Unito via Cuxhaven e Immingham

Un viaggio epico su strada, ferrovia e mare attende la Kia Ceed, che viene prodotta in Slovacchia, prima che le auto vengano consegnate per anticipare i nuovi proprietari e una parte cruciale di quel viaggio sarà a bordo di un traghetto DFDS. Fotografia: Julian Mackie

 

Mike Duff di Autocar ha seguito una nuovissima Kia Ceed della fabbrica Žilina in Slovacchia, attraversando diversi paesi prima di salire a bordo di Finlandia Seaways per l'ultima tappa del viaggio verso una concessionaria del Regno Unito, un viaggio fatto da 45.000 modelli Kia l'anno scorso.

Tutti i modelli destinati al mercato del Regno Unito vengono trasportati a Cuxhaven, in Germania, su strada e su rotaia, dove l'arcipelago artificiale di Cuxport rende il caricamento delle auto un gioco da ragazzi, poiché le acque profonde consentono un facile attracco senza essere influenzato dalla marea. Mike e il Ceed incontrarono un po 'più di una brezza, tuttavia, poiché il maltempo significava un ritardo prima che le auto potessero essere guidate a bordo dei 2.000 metri di Finlandia Seaways e iniziare il viaggio di 22 ore in mare.


Mike Duff ha oscurato questa Kia blu per l'intero viaggio, facendo attenzione a non perdere di vista la macchina

 

Dopo l'arrivo sicuro a Immingham, Mike racconta il viaggio della Kia dalla fabbrica di Žilina alla concessionaria Grimsby Kia. “Ha percorso circa 12 miglia sotto la propria potenza, almeno 600 miglia in camion o treno e 360 miglia via mare prima di raggiungere il suo primo proprietario britannico. Moltiplicalo per i 15 milioni di auto vendute in Europa l'anno scorso e avrai un'idea della portata dello sforzo logistico che mantiene l'industria automobilistica in attività. "


Il solo numero di auto mosse contemporaneamente rende ogni fase del viaggio uno sforzo erculeo

 

Il merito completo della storia va alla rivista Autocar e Mike Duff. Il merito delle foto va a Julian Mackie.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.