Prospettiva soleggiata nel Mediterraneo

Segnali positivi dopo un anno difficile per DFDS in Turchia.

L'attività di DFDS nel Mediterraneo è cresciuta del 2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Questa piccola crescita è un segnale positivo dato l'impatto globale del Covid-19 nel 2020. DFDS prevede di continuare nel 2021.

La Turchia ha subito gli effetti della pandemia come ogni altro paese. I blocchi e le chiusure di fabbriche hanno colpito duramente gli scambi.

Le esportazioni del paese in molti paesi europei sono diminuite di 27% nel maggio 2020. La Turchia ha iniziato ad adattarsi e le ruote dell'economia hanno ripreso a girare. I rapporti commerciali hanno indicato risultati migliori il mese successivo.

La lira turca ha iniziato a riacquistare il suo valore. Il suo saldo import-export è tornato alla normalità.

Di conseguenza, DFDS nel Mediterraneo ha iniziato a funzionare meglio. Le linee ferroviarie hanno dimostrato la loro importanza durante la pandemia, quando i confini terrestri erano soggetti a restrizioni. DFDS è stato in grado di operare con una minima interazione umana.

Guardando al futuro, un'impronta di carbonio ridotta per DFDS nel Mediterraneo è una realtà. Tutti i traghetti hanno installato scrubber, che rimuovono gli inquinanti dai gas di scarico.

Sono in corso anche gli sforzi per alleviare la congestione a Trieste, in Italia, una delle principali destinazioni di DFDS dalla Turchia.

10 Febbraio 2021